Fondamentali Comuni e aziende municipalizzate per una gestione pubblica sull’intera filiera

Purtroppo ancora si vuole discutere della localizzazione delle aree idonee ad ospitare impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti, ma la scelta è stata ormai fatta e non si può tornare indietro. Ora è prioritario e urgente decidere chi realizzerà questi impianti.

Avremmo preferito che fossero state la politica e le istituzioni competenti ad assumersi la responsabilità di questa decisione ma, al contrario, è stato fondamentale l’intervento di un commissario straordinario nominato dalla Regione Lazio, che ha individuato le aree idonee sulla base di criteri tecnici e di sostenibilità ambientale. Ora è necessario fare un passo avanti per concentrarsi fattivamente su un altro tema: non più dove fare gli impianti, ma chi dovrà realizzarli.

Il confronto sulle aree è ormai superato per tutti, resta però un aspetto centrale: non si può lasciare la gestione dei rifiuti esclusivamente in mano agli operatori privati. È importante, infatti, che a realizzare gli impianti siano anche i Comuni o le aziende municipalizzate per favorire un controllo e una gestione pubblica sull’intera filiera dei rifiuti urbani. Ci sono milioni di euro messi a disposizione dalla Regione per la realizzazione di impianti pubblici: le istituzioni locali non possono rimanere ancora ferme, ma devono impegnarsi a decidere per realizzare e gestire direttamente l’intero ciclo dei rifiuti, compresa la parte più remunerativa del trattamento e smaltimento degli scarti


0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.